Details
Date:

agosto 24

Time:

01:00 am

season #5
venerdì 07 febbraio 2020

EUGENIA POST MERIDIEM (indie, soul, other – GE)
“In Her Bones” tour

in apertura PLAINN (Pipapop records)

apertura porte ore 22:00
tessera Federitalia obbligatoria (5€)
pre-compilazione tessera Federitalia obbligatoria: http://www.astro-club.it/tesseramento/

EUGENIA POST MERIDIEM
★★★
“In Her Bones” è l’album d’esordio degli EUEGNIA POST MERIDIEM, disponibile da Venerdì 11 ottobre su Spotify, Apple Music e tutte le principali piattaforme digitali per Factory Flaws.

Il gruppo Eugenia Post Meridiem prende forma nell’estate 2017 dall’incontro di Eugenia (voce e chitarra) con Matteo (basso), Giovanni (chitarra solista e tastiere) e Matteo (batteria e percussioni). Dopo tre mesi di lavoro sul reportorio a Lisbona, Eugenia riprende il progetto presentandolo dal vivo con una serie di date a Genova e nella riviera ligure, sia in full band sia da sola, proponendo una raccolta di brani che fanno emergere la sua splendida voce e le sue notevoli potenzialità come songwriter.
Dopo avere suonato al Mi Ami, all’Home Festival e insieme ad Anna Calvi a UnAltroFestival nell’estate 2019 la band è stata in un tour che ha toccato tutta Italia.

“In Her Bones” è il primo lavoro degli Eugenia Post Meridiem, nove tracce che esprimono in musica il multiforme mondo della giovane band. Arte e poetica sono i pilastri dell’immaginario del gruppo e si prestano ad essere la chiave di lettura di tutto ciò che vivono e li circonda.
I ricordi dei viaggi vissuti insieme, in particolare il tempo passato a Lisbona, vengono immortalati e scomposti in frammenti a metà tra il sogno lucido e le riflessioni. Tutti gli squarci di realtà presenti nel disco vogliono essere raccontati come opere d’arte, brevi poesie che in questo modo vengono rese eterne.
La struttura e la linea melodica dei singoli brani sono strettamente legata ai testi e alle immagini che vogliono descrivere, rendendoli particolarmente personali e autentici.
Gli arrangiamenti e le sonorità di “In Her Bones” attingono dal soul, dall’indie e dal folk oltre ad avere una marcata propensione per la psichedelia, passate sotto la lente degli anni ’90 più ruvidi.

“L’Arte è tutti quei momenti – di cui il meriggio (meridiem) è rappresentazione esemplare – in cui si prova, si avverte, quasi fisicamente, l’Eternità. La musica (l’Arte) è tutto quello che, con una vaga sensazione di mancanza e nostalgia, si crea a seguito (post meridiem) di questi momenti.” Eugenia Post Meridiem

PLAINN
★★★
Plainn nasce dal bisogno di Paolo Brusò (Margareth, Focus On The Breath, Schrödinger’s Cat) di concentrarsi sulla scrittura di canzoni in solitario. Da sempre stregato dalla magia di ciò che una canzone può riuscire a trasmettere, lo scorso inverno Paolo ha realizzato uno dei suoi sogni: si è chiuso in una stanza lontano dalla città e ne è uscito con delle canzoni, nelle quali ha cercato di infilare tutta la sua sensibilità di autore e – ancor prima – di ascoltatore. Il suo obiettivo è semplice: far stare bene chi lo ascolterà.