Vai all'evento Facebook

Domenica 21 gennaio 2018

Workshop di improvvisazione w/ VINCENZO VASI
**per giocattoli e strumenti non convenzionali**

A seguire PERFAVORE SING in concerto
Vincenzo Vasi (theremin, voce, elettronica)
Giorgio Pacorig (piano elettrico)

posti limitati / qualsiasi strumento / amatori e professionisti

Per info e iscrizioni:
workshop@astro-club.it

★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★

14.00-14:30 | registrazioni e presentazioni
14:30-18:00 | WORKSHOP

19.30 | apertura con BUFFET
20:30 | LIVE w/ VINCENZO VASI – “PerFavoreSing”
Vincenzo Vasi (theremin, voce, elettronica)
Giorgio Pacorig (piano elettrico)

★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★

Contributo per il workshop: 30€
tessera associativa + buffet + concerto inclusi

Contributo per il live: 10€
tessera associativa + buffet inclusi

★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★

GALASSIE SONORE #2
★★★
Comincia bene il 2018!
Il 21 gennaio Astro Club apre le porte al secondo appuntamento di workshop e concerti dedicati all’improvvisazione musicale, passando tra jazz, rock, cantautorato ed elettronica, e avrà l’onore di ospitare Vincenzo Vasi con un workshop dedicato ai giocattoli e agli strumenti non convenzionali. L’incontro è rivolto a tutti i musicisti, amatoriali e professionisti, ed è per tutti gli strumenti musicali. A seguire il live in duo col pianista Friulano Giorgio Pacorig.

★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★★

VINCENZO VASI BIO
★★★
Vincenzo Vasi è considerato uno degli artisti più eclettici in ambito musicale, passando dalla sperimentazione elettronica al pop d’autore e alla musica avantgarde. Compositore versatile e dallo stile surreale, cantante e polistrumentista (basso, theremin, marimba, vibrafono, elettronica, giocattoli e voce) è considerato uno dei musicisti più eclettici nell’ambito delle musiche eterodosse e non. Attivo sin dal 1990 nell’ambito della musica di ricerca con diversi progetti tra i quali, Trio Magneto, Ella Guru, OoopopoiooO, Gastronauti, Switters, Orchestra Spaziale, Etherguys, il suo nome compare in più di sessanta incisioni discografiche. Ha suonato con Chris Cutler, Tony Coe, Butch Morris, Antonello Salis, Pierre Favre, Phil Minton, Paolo Angeli, Gianluca Petrella, Cristina Zavalloni, Otomo Yoshihide, Lol Coxill, OminoStanco, Steve Piccolo, Wang inc., Joey Baron, Ikue Mori, Lukas Ligeti, John Zorn…
Collabora stabilmente con Vinicio Capossela, Mike Patton, Mauro Ottolini e Sousaphonix, e Roy Paci, quest’ultimo produttore dell’album “Vince Vasi QY Lunch”.

Ha pubblicato di recente “Braccio Elettrico”, una raccolta di brani composti ed arrangiati per theremin, con solo pochi e oculati strumenti che fanno da spalla allo strumento leader (voce, eco a nastro, looper, omnichord, microfoni magnetici).
Insieme al pianista Giorgio Pacorig ha pubblicato “PerFavoreSing”, album in cui Vasi spalanca la porta alla sperimentazione più estrema, usando abilmente basso, vibrafono, tastiere, ukulele, chitarra, flauto a tiro, giocattoli e il suo amatissimo theremin. La voce di Vasi è notevole e flessibile, richiama artisti del calibro di Demetrios Stratos, Mike Patton o Phil Minton. Pacorig, con la sua creatività, riesce a sintetizzare orchestrazioni importanti con jazz e pop obliquo. Quasi la metà dei brani rivela canzoni scritte e improvvisate da Vasi e Pacorig mentre l’altra metà è composta da nuovi arrangiamenti e reinterpretazioni di canzoni di vari autori.
In “OoopopoiooO” insieme alla polistrumentista Valeria Sturba è alle prese con theremin, strumento di cui sono considerati entrambi virtuosi e massimi esponenti, violino, basso elettrico, tastierine, minisynth, giocattoli, pezzi di cartone, maiali di gomma, percussioni, rullanti, voci suggestive, voci suadenti, voci terrificanti.

Un’occasione per ascoltare il thereminista sicuramente più conosciuto in Italia e tra i più interessanti al mondo per il modo di suonare, interpretare, unire estro, musicalità, precisione, cosa rara per qualsiasi musicista che si avvicini a questo difficile strumento.
Un viaggio nell’etere e nello spazio profondo, verso mondi sconosciuti in cui è davvero piacevole perdersi. Consigliato per passeggiate domenicali sulla luna.